Quale ruolo per il progetto nella ricerca nel campo degli Studi Urbani?

di Gabriella TROTTA-BRAMBILLA

(article en français)

Questo testo, che riprende e riadatta una relazione presentata al convegno « Champ libre? L’aménagement et l’urbanisme à l’épreuve des cadres théoriques« 1 (2016), vuole essere il primo di una serie di riflessioni che hanno l’obiettivo di interrogare un possibile quadro epistemologico specifico per la ricerca in architettura, urbanistica e scienze del territorio2 fondato sul concetto polisemico di “progetto” e su delle metodologie di ricerca dette “design-led”, cioè – per riprendere la terminologia adottata per strutturare questo carnet di ricerca – ATTRAVERSO IL PROGETTO.

La punta della penisola (Presqu’île) lionese vista dal Musée des Confluences | foto: GTB, 2016

A fronte di un ancora debole riconoscimento, in Francia, delle esperienze di ricerca svolte attraverso il progetto, ma prendendo in considerazione, allo stesso tempo, i tentativi di costruzione progressiva di un campo di studi multidisciplinari sulla città – gli urban studies all’anglosassone (Collet et Simay, 20133) – e sul territorio4, la congiuntura5 sembra appropriata per formulare la questione delle possibili complementarità tra i metodi delle scienze che tradizionalmente si occupano della città e del territorio (dalle scienze ingegneristiche alle scienze umane e sociali) e gli apporti specifici delle discipline dette “di progetto”6, il cui valore “scientifico” non è riconosciuto in maniera consensuale dai ricercatori (nemmeno di quelle stesse discipline).

La comparazione con altre culture della ricerca fornisce alcune piste (non esaustive) per valutare la legittimità delle esperienze di ricerca basate sul progetto come strumento proprio delle discipline che trattano la questione dell’organizzazione dello spazio a scale diverse, identificando alcune delle ragioni dei freni e delle prospettive possibili nel contesto francese.

Quale ruolo per il progetto nella ricerca in architettura, urbanistica e scienze del territorio?

Il titolo originale della relazione (“Le projet, cet oublié des chercheurs…”) parafrasa il titolo di un libro (Gumuchian et al., 2003) che evidenzia una sfida importante della ricerca recente sulla città e il territorio, ovvero il tentativo di rimettere gli attori al centro dell’interesse. Questa inversione di rotta dal “tout aménagement” (potremmo tradurre: “tutto-pianificazione-spaziale”) al “tout-acteurs-locaux” (“tutto-attori-locali”), sintomatico (tra altre ragioni) di una volontà di opposizione alle dottrine della pianificazione statale a diverse scale molto presente in Francia nelle teorie e nelle pratiche, sembra mancare di sfumature riguardo ad approcci di ricerca che non necessariamente si contrappongono.

Possiamo constatare una diffidenza generalizzata verso i grandi progetti urbani e la pianificazione contemporanei, che porta a teorizzare “un’urbanistica dell’inazione”, che denuncia l’impossibilità di agire sulla città (Ascher, 2001), o “un’urbanistica del pensiero debole” (Chalas, 2004) e “dell’incertezza” (Chalas et al., 2009), che si oppone al progetto urbano dei promotori immobiliari e dei governanti, determinista e incapace di integrare la complessità della città contemporanea ed il diritto alla partecipazione. Ma questa diffidenza sembra generare un paradosso: se spesso essa si riflette (o piuttosto, è stata generata?) in ambito accademico, perché recentemente si sono moltiplicate in Francia le formazioni universitarie in “Projet urbain” o “Design urbain”? Possiamo formulare l’ipotesi che delle nuove sfide si stiano definendo a partire dall’interpretazione del progetto urbano in quanto “percorso metodologico” finalizzato a mettere in comune dei saperi, delle competenze, dei desideri, etc. (Ingallina, 2008). Ed è precisamente quest’ultima accezione (applicata alla ricerca) che desideriamo interrogare.

Delle tradizioni di ricerca e formazione differenti

In Francia e nel contesto francofono7, la ricerca in urbanistica e “aménagement du territoire8 si confronta principalmente con il campo delle scienze sociali, dalle quali prende in prestito teorie e metodi. Inoltre, si può osservare in Francia, almeno per il momento, la mancanza di consenso riguardo alla necessità di una riflessione approfondita sull’impiego di metodi di progetto nella ricerca sulla città e sul territorio.

Benché la stessa preoccupazione di integrazione della dimensione sociale nelle discipline che si occupano dello spazio non sia una novità e che l’interdisciplinarità nella ricerca si imponga ormai quasi come un’evidenza, ciò non ha impedito lo sviluppo di una vasta tradizione internazionale di lavori scientifici che adottano il progetto a diverse scale come strumento per la ricerca.

Per esempio, nel contesto anglofono, i metodi di ricerca fondati sul progetto si riferiscono al campo del design inteso come disciplina9 che comprende la pianificazione del territorio, l’architettura, l’urbanistica, l’architettura del paesaggio, il disegno industriale, etc. (Findeli et Coste, 2007). Diversi ricercatori hanno contribuito e contribuiscono alla costruzione di un’epistemologia trasversale, in particolare a partire da alcuni lavori pionieri, come quelli di D. Schön (1984), che hanno riabilitato la pratica professionale e l’azione come pratica riflessiva e dunque come processo potenzialmente generatore di conoscenza, assimilabile in qualche modo alla ricerca. D’altra parte, sono numerose le riviste scientifiche internazionali che si occupano da lungo tempo dell’esplorazione del campo del design10.

Benché questa autonomia disciplinare non si sia imposta dalla nascita delle formazioni in design (proposte, all’inizio, in scuole diverse dalle università, similmente a quanto succede ancor oggi in Francia), attualmente si può osservare una certa ricchezza delle riflessioni epistemologiche e metodologiche in corso11. La diversità terminologica che cerca di descrivere le metodologie basate sul progetto nella ricerca nelle discipline del design sottolinea lo sforzo di sistematizzazione di pratiche sicuramente eterogenee, ma non improvvisate: practice-led research, design-led research, research through o by design, projet-grounded research, design-based research, etc. (Chow, 2010). Il progetto, senza distinzione degli oggetti e delle scale studiati, è qui l’elemento fondatore stesso dei processi di ricerca.

L’originalità della ricerca italiana12, invece, si riferisce alla costruzione progressiva (a partire dal secondo dopoguerra) del campo di studi (o corrente di pensiero, secondo gli autori) che in Francia è stata chiamata “architecture urbaine13 , finalizzato ad individuare “scientificamente” le relazioni tra il tipo architettonico e la morfologia urbana, in seguito esteso anche alla scala del territorio (Gregotti, 1966). Sebbene fondata, all’origine, sugli studi francesi di storia e geografia urbane, questo approccio mette principalmente l’accento sulla dimensione spaziale della città14. Il movimento d’avanguardia architettonica denominato “La Tendenza”, in particolare, ha cercato di costruire una continuità con la rivoluzione culturale portata dal Movimento Moderno, ma criticandone le derive funzionaliste e la diminuzione della qualità architettonica (Mazzoni, 2013) ed opponendovi delle riflessioni teoriche originali sulla morfo-tipologia. Alcune figure di “architetti-intellettuali”, come A. Rossi, G. Grassi, G. Canella, V. Gregotti, etc., hanno anche cercato di evidenziare la “scientificità” del processo di concezione, che presuppone un trattamento rigoroso dei dati interni del progetto e l’esplicitazione dei suoi rapporti con il mondo esterno (Mazzoni, 2013).

Queste numerose ricerche sull’epistemologia specifica dell’architettura della città, condotte per più di sessant’anni, costituiscono il contesto culturale in cui operano degli urbanisti e ricercatori italiani come B. Secchi (1934-2014) et P. Viganò15. Quest’ultima, in particolare, ha recentemente pubblicato un volume in francese16 in cui cerca di dimostrare come lo strumento principale dell’architetto-urbanista, il progetto appunto, è capace di produrre della conoscenza tramite la sua attitudine a concettualizzare, descrivere e prevedere (Viganò, 2014). Il quadro teorico comune ad architettura e urbanistica resta oggi ben leggibile anche nella struttura della formazione universitaria italiana, sebbene anche qui la ricerca tenda verso un campo di studi multidisciplinare sulla città17.

Se questi primi due esempi evocano delle culture disciplinari fondate sulla pratica del progetto (anche e soprattutto nella ricerca), per quanto riguarda la ricerca francese negli stessi campi gli studi più diffusi sono quelli “sul” progetto. In questo contesto, il progetto urbano e territoriale è analizzato come processo capace di federare attori, risorse, strumenti, procedure, etc., ma sono questi ultimi, di fatto, i veri oggetti della ricerca. Si mettono allora in evidenza i discorsi degli stakeholders, l’influenza della leadership politica, la marginalizzazione di certi gruppi sociali rispetto ai processi in atto (Pinson, 2009), i giochi degli attori, i modi di governance e di “messa in scena” (Avitabile, 2005) del progetto urbano, etc., e si analizzano attraverso le teorie dell’azione pubblica e gli strumenti delle scienze sociali, lasciando sullo sfondo il progetto vero e proprio.

Esistono dunque delle “teorie del progetto” e degli strumenti propri alle discipline che si interessano all’organizzazione dello spazio fisico? Malgrado il riconoscimento che degli urbanisti come B. Secchi et P. Viganò hanno ottenuto in Francia, nonché la lunga tradizione di scambi tra le culture italiana e francese e le loro influenze reciproche18, l’idea che il progetto sia uno strumento per la ricerca nel campo dell’organizzazione dello spazio a diverse scale pena ad affermarsi, perfino nelle Scuole di Architettura (Écoles Nationales Supérieures d’Architecture, da qui ENSA), dove il progetto dovrebbe essere lo strumento più pregnante.

Il progetto come strumento per la ricerca: freni, prospettive, questioni

La tradizionale separazione tra Scuole di architettura e Istituti di urbanistica, nonché dei relativi Ministeri19, può (almeno in parte) spiegare le reticenze riguardo all’utilizzo del progetto nella ricerca in urbanistica e scienze del territorio. In Francia, infatti, le formazioni in urbanisme et aménagement du territoire sono generalmente integrate nelle facoltà di geografia, economia o sociologia (Frebault et Pouyet, 2006) e, in ogni caso, si riferiscono più largamente alla cultura delle scienze umane e sociali. Inoltre, poiché in Francia il dottorato in architettura è stato introdotto relativamente recentemente (2005), le tesi riguardanti dei soggetti relativi all’architettura sono state a lungo elaborate presso altre facoltà (storia dell’arte, urbanistica, filosofia, sociologia, etc.). Tutto ciò ha favorito la concezione dell’architettura e più in particolare del progetto come oggetto di studio, da analizzare tramite i metodi di altre discipline fondamentali di volta in volta considerate come più pertinenti (Findeli, 1998), e non in quanto disciplina con i suoi strumenti di analisi propri, cosa che avrebbe richiesto una riflessione approfondita sul progetto come metodo, come si è visto nei casi anglofono e italiano.

Inoltre, benché degli architetti francesi si siano interessati alle teorie italiane dell’architettura urbana e della morfo-tipologia (da cui in qualche modo deriva la funzione del progetto come strumento di ricerca), alla fine degli anni ‘80 questi apporti sono stati ridiscussi in Francia (Mazzoni, 2013), in particolare riguardo alla possibilità di distinguere, nel processo di ricerca, i ruoli del ricercatore e del professionista. Nemmeno la nozione di ricerca-azione, evocata sempre più regolarmente in Francia a partire dalla fine degli anni ‘70 (Hess, 1983) nella sfera delle scienze sociali, ha costituito un quadro metodologico capace di legittimare le competenze dei professionisti del progetto spaziale.

Benché in Francia la ricerca tramite il progetto (in generale, e più particolarmente negli studi urbani) costituisce ancora una pratica molto sperimentale (Mazel et Tomasi, 2017) e che questa dipenda dalla volontà dei direttori di ricerca che accettano di “lanciarsi nell’avventura”, si può tuttavia osservare l’emergere di un nuovo contesto, più favorevole alla costituzione di un campo multidisciplinare di studi urbani (creazione di “poli” di ricerca e formazione sulla città e sul territorio20 o di laboratori multidisciplinari che integrano ricercatori dell’Università e delle ENSA21), agli scambi metodologici tra discipline (introduzione dell’insegnamento dell’urbanistica nelle Scuole di Architettura (Frebault e Pouyet, 2006) e, viceversa, del progetto urbano negli Istituti di Urbanistica) e forse all’uso più frequente del progetto come strumento di ricerca (per esempio per mezzo del consolidamento del dottorato in architettura). Si aggiunge a tutto ciò la recente riforma (febbraio 2018) degli statuti degli insegnanti delle ENSA22.

Ma la costruzione di teorie sulla nozione di progetto non va da sé. Si pongono delle questioni di ordine epistemologico e metodologico. Si deve tendere verso un’“unità delle scienze”, dove il modello della fisica (scienza per eccellenza) si impone per il suo rigore riconosciuto (Schemeil, 2012), oppure si devono costruire delle “epistemologie specifiche”, adatte alla diversità dei bisogni di ogni disciplina (Grignon, 2008) ? Se si cerca di costruire un modello epistemologico specifico per le discipline del progetto, quali sono gli strumenti propri a queste ultime? Se il progetto può essere annoverato fra questi strumenti, come può riferirsi a questa epistemologia specifica e, allo stesso tempo, aprirsi, confrontarsi, integrarsi nel campo delle scienze umane e sociali, nell’attuale contesto di “ingiunzione all’interdisciplinarità”, affinché i metodi di ricerca detti design-led non restino isolati, inintelligibili ed infine rifiutati? Poiché lo strumento utilizzato per la conoscenza gioca necessariamente il ruolo di mediatore tra soggetto conoscitore ed oggetto da conoscere e poiché la qualità dei risultati dipende tanto dallo strumento (già a disposizione o costruito appositamente dal ricercatore) che dalla maniera di utilizzarlo e di interpretare i dati ottenuti, come costruire delle metodologie di ricerca attraverso il progetto?

Il carnet di ricerca PROIECTUS si dà l’obiettivo di contribuire a definire meglio le precedenti questioni, cercando di proporre qualche elemento di risposta.

 

1 Titolo originale della relazione: Gabriella Trotta-Brambilla, « Le projet, cet oublié des chercheurs… », convegno « Champ libre? L’aménagement et l’urbanisme à l’épreuve des cadres théoriques« , 14-15 gennaio 2016, Parigi.

2 Tale obiettivo è da mettere in relazione, in particolare, con il contesto francese, in cui queste discipline risultano molto più distinte fra loro che in Italia, come si vedrà in seguito.

3 Per la bibliografia riferirsi al testo in francese.

4 Cf. a questo proposito i lavori del Collège International des Sciences du Territoire (CIST), finalizzati a “contribuire a formalizzare ed organizzare il campo interdisciplinare delle scienze del territorio” (http://www.gis-cist.fr/cist/missions, consultato in data 13.10.2017).

5 Per completare questo quadro, si ricorderà in seguito il contesto di riforma che interessa attualmente le Scuole di Architettura francesi.

6 Si intende qui per “discipline di progetto” soprattutto l’architettura e la pianificazione urbana, territoriale e paesaggistica.

7 Ad eccezione del Québec, che aderisce piuttosto al modello anglofono (Findeli, 1998).

8 Per riprendere la definizione data da G. Novarina (2003), l’amenagement du territoire è un’attività che si occupa prevalentemente della programmazione delle infrastrutture e del sostegno all’economia (competenze delle regioni) e si distingue dall’urbanisme che regolamenta l’uso del suolo (competenza dei comuni e delle intercommunalités), mentre la pianificazione territoriale all’italiana riunisce la programmazione economica e l’organizzazione dello spazio a diverse scale.

9 Il design è definito come attività di chiunque concepisca delle azioni che hanno come obiettivo di trasformare situazioni esistenti in situazioni preferite (H. Simon e D. Schön, 1969, citato da Findeli e Coste, 2007).

10 Possiamo citare, a titolo di esempio, Design Issues, Design Studies, Environment and Planning B, International journal of Design and Innovation Research, etc.

11 Tutte queste espressioni non corrispondono a una stessa maniera d’intendere la metodologia attraverso il progetto, né alle stesse implicazioni epistemologiche. Una sintesi piuttosto chiara è stata elaborata da R. Chow (2010).

12 Originalità attualmente attenuata probabilmente anche da un adeguamento al modello della ricerca anglosassone motivato, da un lato, dal bisogno di diffondere a livello internazionale i lavori di ricerca italiani e, dall’altro lato, la necessità di captare i finanziamenti europei.

13 Secondo C. Mazzoni (2013), si intende per “architecture urbaine” il campo di studi nato nel 20° secolo finalizzato a leggere la città tramite l’architettura che la compone. Se l’analisi della relazione tra gli edifici e la città trova il suo iniziatore in Alberti, il campo dell’architettura urbana si rinforza in seguito al Movimento Moderno e soprattutto con la sua reinterpretazione ed evoluzione proposte dal movimento italiano della Tendenza (1966-1974), in seguito sviluppato dalle cosiddette scuole morfo-tipologiche italiana e francese.

14 D’altra parte, non mancano delle esperienze che hanno tentato di legare la morfo-tipologia al suo contesto sociale, per esempio attraverso la nozione di “recupero urbano” introdotta negli anni ‘60 dai ricercatori della Facoltà di Architettura di Firenze ed applicata nel piano del centro storico di Bologna.

15 Grand Prix de l’Urbanisme nel 2013.

16 Traduzione dell’originale italiano pubblicato nel 2010.

17 Significativo, a questo proposito, il recente cambio di nome del DIAP (DIpartimento di Architettura e Pianificazione urbana e territoriale) del Politecnico di Milano in DAStU (Dipartimento di Architettura e Studi Urbani).

18 Abbiamo già citato l’origine francese delle teorie morfo-tipologiche, ma si possono anche ricordare, per esempio, le teorie omologhe elaborate in Francia a partire dagli anni ‘70 o citare gli attuali scambi tra le “scuole territorialiste” francese ed italiana.

19 Le Scuole di architettura dipendono dal ministero de la Culture et de la Communication, mentre gli Istituti di urbanistica da quello dell’Enseignement supérieur et de la recherche. D’altra parte, queste denominazioni sembrano indicare che la ricerca è l’appannaggio delle sole università.

20 Per esempio, la Cité des Territoires di Grenoble e l’Institut Méditerranéen de la Ville et des Territoires di Marsiglia, riuniscono ora le formazioni in geografia, urbanistica ed architettura; l’École d’architecture de la ville & des territoires di Marne-la-Vallée fonda il suo progetto pedagogico su “una concezione dell’architettura impegnata nella trasformazione della città e del territorio” (http://www.marnelavallee.archi.fr/page.php?id=1&, consultato in data 13.10.2017).

21 Per esempio, i laboratori LAVUE/UMR 7218 di Parigi e LAURE/UMR 5600 Environnement, Ville et Société di Lyon-Saint Étienne.

22 Può essere utile sapere che, benché da lungo tempo si svolgano attività di ricerca nelle Scuole di Architettura francesi, solo recentemente è stato ufficializzato il dottorato in architettura (decreto del 2005) e che è attualmente in corso una serie di riforme aventi lo scopo di istituire lo statuto dell’insegnante-ricercatore delle ENSA e la sua abilitazione a livello nazionale, che fino ad ora (decreti del 15 febbraio 2018) esisteva solo per l’Università.

Pour citer cet article | Per citare questo articolo: Gabriella Trotta-Brambilla, "Quale ruolo per il progetto nella ricerca nel campo degli Studi Urbani?," in PROIECTUS, 31 juillet 2018, https://proiectus.hypotheses.org/250.

Gabriella Trotta-Brambilla

Maître de Conférences Associé à l’École Nationale Supérieure d'Architecture de Grenoble | Chercheur au sein du Laboratoire Cultures Constructives (ENSAG)

More Posts